1000 10

Il regista italiano Giuseppe Cossentino in corsa per il David Di Donatello 2024

Lo sceneggiatore e regista di origini napoletane concorre per il prestigioso premio cinematografico nazionale

In un’epoca in cui il cinema cerca nuove strade per raccontare le complessità del tessuto sociale, Giuseppe Cossentino si è  affermato come una figura iconica nel panorama cinematografico italiano, confermandosi per il secondo anno consecutivo tra i candidati al prestigioso premio David di Donatello 2024. La sua trilogia, composta dai cortometraggi “Un Giorno a Napoli”, “Covid 19 La Voce degli Invisibili”, e “Passioni Senza Fine 2.0”, rappresenta un’ambiziosa esplorazione delle sfide e delle bellezze intrinseche nella società contemporanea.
Un Viaggio nel Cuore di Napoli
“Un Giorno a Napoli” si distingue per la sua capacità di trasformare la città di Napoli in un vivido personaggio a sé stante. Attraverso gli occhi di Nunzio Bellino, che interpreta la guida per una giovane donna del Nord, lo spettatore viene immerso nelle ricchezze culturali, storiche e umane della città partenopea. Il film diventa un viaggio sensoriale che celebra la bellezza e la complessità di Napoli, con un occhio di riguardo per le sue contraddizioni sociali e culturali.
La Voce degli Invisibili

Con “Covid 19 La Voce degli Invisibili”, Cossentino si avventura in un territorio emotivamente più complesso, ponendo l’attenzione sulle storie di coloro che la pandemia ha reso ancora più vulnerabili. Il cortometraggio emerge come un atto di denuncia e al contempo di profonda empatia verso le persone affette da patologie croniche e rare, spesso dimenticate dal dibattito pubblico. La sua opera si fa portavoce di un messaggio urgente di inclusione e solidarietà.
Amori e Passioni nel Web

L’innovativo “Passioni Senza Fine 2.0”, tratto dal suo acclamato radiodramma web, esplora le dinamiche degli amori impossibili, giocando con le aspettative e i sogni dei suoi personaggi sullo sfondo di una Napoli tanto amata quanto idealizzata. Questo lavoro riflette su come le relazioni umane si sono trasformate nell’era digitale, offrendo una visione al tempo stesso nostalgica e critica della ricerca dell’amore vero.
Un Impegno nel Cinema Sociale

La presenza di Cossentino tra i candidati al David di Donatello non è solo un riconoscimento della sua maestria artistica, ma testimonia il suo impegno a favore di un cinema che non si limita a intrattenere ma si propone di interrogare, riflettere e, forse, curare. Le sue opere sottolineano il potere del cinema come strumento di sensibilizzazione su questioni sociali, promuovendo un dialogo che supera i confini dello schermo per instaurarsi nel tessuto stesso della società.
Verso il Futuro

Mentre il pubblico e la critica attendono con interesse la cerimonia del David di Donatello 2024, resta chiaro che il contributo di Cossentino al cinema italiano va ben oltre la competizione stessa. Attraverso il suo lavoro, offre uno sguardo autentico sulle sfide contemporanee, ricordandoci che l’arte può e deve essere uno specchio dei tempi che viviamo. Indipendentemente dall’esito del premio, la trilogia di Cossentino rimarrà un punto di riferimento nell’ambito del cinema sociale, ispirando cineasti e spettatori a un approccio più riflessivo e consapevole alla realtà che ci circonda.  

La Redazione

Post correlati

Il Terra di Siena Film Fest presenta a Cannes le prime news dell’edizione 2023

Grande attesa sulla Croisette  per la press conference della 27esima edizione
Continua a leggere

La scuola di Napoli ASCI Cinema riconosciuta dalla Aic-Imago

L’Associazione Italiana Autori della Fotografia Cinematografica riconosce l’ASCI
Continua a leggere

Leave a Comment:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *