1035 0

Presentazione del Cartellone della nuova stagione teatrale 2023/2024 della Sala Umberto, Roma.

In questo anno appena trascorso abbiamo visto l’affermarsi di un nuovo governo e purtroppo la continuazione del conflitto in Ucraina, con le sue tragiche conseguenze umane ed economiche.

La comunità teatrale ha ripreso a frequentare i teatri di prosa, ma siamo ancora lontani dai numeri del pre-Covid19.

Non ci perdiamo d’animo e continuiamo sulla strada della costruzione di nuovo pubblico attraverso la cura nella formazione del personale del Teatro e nella proposta culturale che sarà più popolare, nel segno della commedia brillante, della musica e della drammaturgia contemporanea, pronta a cogliere con ironia i lati deboli dell’umanità intorno a noi.

Una proposta multidisciplinare, dove i linguaggi a disposizione del racconto possono dare emozioni e sollecitare un pensiero critico; dobbiamo fare rete nel territorio, guardare ai giovani artisti, promuovere il teatro scuola e la formazione.

Andare a teatro è un momento per vivere insieme un’esperienza; il teatro genera benessere psicofisico: ridere, pensare, condividere in gruppo fa bene.

Il teatro è incontro e scambio tra diverse generazioni.

La nuova stagione ospita prevalentemente autori contemporanei, oltre ai classici Goldoni e Moliere come Giacomo Ciarrapico, Mirco Setaro e Francesco Velonà, Peppe Barra e Lamberto Lambertini, Giovanni Scifoni, Carlo Buccirosso, Michele Sinisi, Pier Francesco Pingitore; e come stranieri Daniel Pennac, Alexis Michalik, Caroline Francke, Marshan Norman.

Ad oggi la stagione si compone di 15 spettacoli in abbonamento ed inizia il 26 settembre con UN GIORNO COME UN ALTRO scritto e diretto da Giacomo Ciarrapico, con Luca Amorosino e Carlo De Ruggieri. La commedia attraverso un paradosso mette in evidenza la riduzione della consapevolezza del valore del voto nella democrazia. Ciarrapico, con una scrittura semplice e ironica, induce a riflette su temi rilevanti.

Il 10 ottobre debutta IL PADRE DELLA SPOSA di Caroline Francke, con Gianfranco Jannuzzo e Barbara De Rossi, diretti da Gianluca Guidi,commedia campione d’incasso a Milano al Teatro Manzoni nella stagione appena conclusa.

Tra Novembre e Gennaio ampio spazio al teatro napoletano, rappresentato da Biagio Izzo in BALCONE A 3 PIAZZE,che debutta il 31 ottobre; da Peppe Barra e Lalla Esposito che tornano il 21 novembre con il capolavoro LA CANTATA DEI PASTORI, che celebra la nascita del figlio di Dio, diretti da Lamberto Lambertini; e dalla nuova commedia IL VEDOVO ALLEGRO,scritta diretta e interpretatada Carlo Buccirosso in scena con la sua compagnia dal 26 dicembreper le feste di Natale, fino al 21 gennaio.

Nel 2023 si celebra l’anniversario degli 800 anni della nascita di San Francesco. Un evento così importante non poteva che essere raccontato dall’estro creativo di Giovanni Scifoni che debutterà il 5 dicembre con FRA’ – SAN FRANCESCO LA SUPERSTAR DEL MEDIOEVO, fino all’antivigilia di Natale.

Nella seconda parte di stagione, dal 24 gennaio ospiteremo uno spettacolo intimo, STORIA DI UN CORPO di Daniel Pennac, interpretato da Giuseppe Cederna, per la regia di Giorgio Gallione. Uno straordinario percorso dentro un’esistenza in forma di diario, che un padre dona alla figlia.

Torna dal 6 febbraio il teatro di espressione corporea della compagnia tedesca FAMILIE FLÖZ in versione noir, con HOTEL PARADISO. Un giallo sulle Alpi pieno di umorismo e sentimenti travolgenti. Uno spettacolo privo di parole ma straordinariamente eloquente, grazie alle maschere e all’uso sapiente del corpo.

Dal 13 febbraio uno spettacolo che parla di amore tra una madre e una figlia in un surreale intreccio di tenerezza e morte. Il testo BUONANOTTE MAMMA è stato scritto da Marsha Norman, premo Pulitzer nel 1983. Due grandi interpreti: Marina Confalone e Mariangela D’Abbraccio, dirette da Francesco Tavassi.

Dal 27 febbraio Michele Sinisi mette in scena un progetto esperienziale: SEI PERSONAGGI IN CERCA D’AUTORE DI LUIGI PIRANDELLO, nel quale lo spettatoreviene totalmente coinvolto nella rivisitazione contemporanea del classico, per indagare il rapporto tra vita e arte, reale e virtuale. Ogni sera ci sarà una guest a sorpresa nella compagnia.

Dal 26 marzo Benedicta Boccoli e Lorenzo Mario dirette da Stefano Artissunch in LE PREZIOSE RIDICOLE, da Moliere. Uno spettacolo musicale a tutti gli effetti, ambientato a Roma negli anni ’40.

Dopo Pasqua, il 4 aprile, debutta IL GIUOCATORE di Carlo Goldoni, adattato, diretto e interpretato da Roberto Valerio, con un cast di altissima qualità. Un testo tra la commedia e il dramma, molto attuale, con musiche dal vivo, canzoni e ballo.

Dal 17 aprile Carlotta Proietti e Gianluigi Fogacci in INTRAMUROS di Alexis Michalik, tra i più noti drammaturghi francesi contemporanei, pluripremiato. La traduzione e la regia sono di Virginia Acqua. Ambientato in un carcere.

Dal 2 maggio I DUE CIALTRONI scritto e diretto da Pier Francesco Pingitore che dirige Maurizio Martufello e Marco Simeoli, nel ruolo di due attori che si incontrano e confrontano sulle rispettive attività artistiche.

Chiudono la stagione Simone Colombari e Max Paiella in JANNACCI E DINTORNIUna storia raccontata e cantata. Uno spettacolo musicale sulla vita di Jannacci, un pò narrata, un po’ suonata, un pò cantata.

Come ogni stagione, nel cartellone avremo le INCURSIONI: eventi di uno o due giorni tra stand up, musica, reading e altro, tra quali Osho, Serra Ylmaz, Greg, Lorenzo Baglioni

Si conferma ampio spazio al Progetto Scuole, ideato e diretto da Livia Clementi, con spettacoli di teatro per la scuola materna, primaria e secondaria di primo e secondo grado. Mi auguro che l’attuale Giunta Capitolina possa risolvere quanto prima il problema dell’accesso in centro dei bus per il trasporto scolastico.

Un encomio va Lorenzo Gioielli, direttore artistico della STAP BRANCACCIO, per l’ottimo lavoro svolto nella formazione accademica, coadiuvato Rossella Marchi e dal suo staff di docenti, presso lo Spazio Diamante, lo Spazio Impero e il Teatro Brancaccio.

Chiudo ringraziando tutti i nostri dipendenti collaboratori a qualsiasi titolo che compongono la squadra che ha contribuito a dare continuità alla vita di questo nuovo Centro di Produzione Teatrale.

Buon teatro a tutti.

TEATRO RAGAZZI SALA UMBERTO direzione artistica Livia Clementi.Stagione Teatrale 2023/2024

La Sala Umberto prosegue la programmazione di Teatro Ragazzi con spettacoli indirizzati a studenti e docenti della Scuola dell’Infanzia, Primaria e Secondaria di I e II grado.
Una rassegna, iniziata nel 2004, che affronta attraverso il linguaggio teatrale, musicale, della danza e video, temi che possano arricchire la crescita culturale e umana e valorizzando il ruolo formativo ed educativo del teatro, visto come luogo di incontro e confronto.Un ricco cartellone di spettacoli, messi in scena da compagnie riconosciute a livello nazionale, che oltre a promuovere e diffondere la cultura e l’arte sono momento di riflessione, critica e partecipazione attiva da parte del pubblico, di riscontro e sensibilizzazione delle tematiche vicine ai giovani d’oggi.
La programmazione ed è differenziata in base alle diverse fasce di età e ai linguaggi, grazie anche ad un continuo e proficuo confronto con docenti e dirigenti scolastici.
Vengono proposti/messi in scena classici grandi classici della letteratura italiana, inglese e latina, drammatizzati in chiave moderna con un linguaggio più vicino ai giovani, permettendo loro di appassionarsi al teatro come mezzo di approfondimento dei grandi autori; testi contemporanei, come occasione unica per conoscere e approfondire da diversi punti di vista temi che investono trasversalmente la nostra società: legalità,
bullismo e cyber bullismo, dipendenze, immigrazione, inclusione, famiglia, adolescenza, identità di genere.
Per i più piccoli le fiabe diventano metafora del viaggio di crescita, accettazione di sé e dell’altro, rispecchiano lo sguardo dei bambini sul mondo, svelando le loro emozioni.
La Sala Umberto inoltre è il punto di riferimento per il mondo didattico del teatro in lingua per le scuole di ogni ordine e grado, con un’offerta artistica di classici della letteratura, commedie musicali contemporanee, storytelling in inglese, spagnolo e francese, realizzati da attori professionisti madrelingua e modellati su diversi livelli di comprensione degli studenti.
La visione di ogni spettacolo è supportata da materiale didattico e da un percorso interdisciplinare, di approfondimento sulle chiavi di lettura e i collegamenti tra i temi trattati nello spettacolo e la programmazione didattica.

Al termine di ogni rappresentazione il pubblico viene coinvolto in incontri/dibattiti con la compagnia e con personaggi della cultura, della politica, della magistratura e del giornalismo, attraverso iniziative trasversali che vedono la collaborazione e il patrocinio di
Amnesty International, Associazione Antonino Caponnetto, Agedo Italia,
Associazione Fare per bene Onlus, Associazione Italiana Editori – Più Libri Più liberi.
Vengono organizzati workshop e laboratori propedeutici presso le scuole, che permettono di sviluppare e approfondire collegamenti interdisciplinari tra i temi suggeriti
dallo spettacolo e la programmazione didattica, oltre che concorsi tramite i quali gli
studenti sono chiamati a partecipare attivamente su progetti formativi legati a tematiche culturali, civili e sociali.
La programmazione di Teatro Ragazzi ha la collaborazione del MIUR – Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio (grazie al Protocollo d’Intesa n.32357 del 17 Agosto 2018) e vede ogni anno la partecipazione di oltre 15.000 tra studenti e docenti provenienti dal centro Italia.
La Sala Umberto è socio di Assitej Italia, sezione italiana dell’associazione mondiale che raggruppa artisti e compagnie teatrali che si dedicano professionalmente alla creazione di un teatro per il pubblico giovane e promuove la qualità e il significato culturale del teatro
per l’infanzia e la gioventù, attraverso nuove progettualità nazionali e internazionali.

E’ nella giuria del premio “Eolo Awards” per il Teatro ragazzi.
La sala Umberto è inoltre socio di Premio Scenario, l’associazione nazionale che attraverso il Premio Scenario e il Premio Scenario Infanzia si pone come osservatorio per incentivare nuovi linguaggi, idee, progetti e visioni per un teatro rivolto anche alle nuove generazioni..
Opera in ambito della formazione dal 2013 collaborando stabilmente con l’Associazione Teatrale Culturale Saltimbanco, tramite la quale promuove presso le proprie strutture corsi di recitazione teatrale anche in lingua inglese, di canto, movimento scenico, di public speaking e video-making per bambini, ragazzi e adulti.
Organizza stage di perfezionamento per attori, danzatori e cantanti e stage che aiutino ad acquisire gli strumenti per passare dallo studio della recitazione al mondo del lavoro nel settore dello spettacolo.
E’ infine promotore di seminari di aggiornamento indirizzati ai docenti,
sull’importanza e l’uso del teatro nell’apprendimento della lingua straniera.

Comunicato Stampa

Post correlati

Leave a Comment:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *