173 0

Al Teatro Augusteo di Napoli tanti applausi e risate per “L’arte della truffa” con Biagio Izzo La Recensione.

Al Teatro Augusteo di Napoli è in scena il nuovo spettacolo di Biagio Izzo: L’arte della truffa.

L’arte della truffa è uno spettacolo scritto da: Augusto Fornari, Toni Fornari, Andrea Maia, Vincenzo Sinopoli. Augusto Fornari cura anche la regia.

Il titolo è particolarmente significativo, la commedia alternerà momenti divertenti a momenti emozionanti, nonché a spunti di riflessione.
Il tutto senza mai perdere la voglia di ridere scaturita da una serie di equivoci e senza mai perdere di vista la leggerezza che le commedie devono offrire al pubblico.

Biagio Izzo in questo spettacolo è accompagnato da: Carla Ferraro, Roberto Giordano, Ciro Pauciullo, Arduino Speranza e Adele Vitale. Le scene di Massimo Comune, Disegno luci di Luigi Raia, Musiche di Gruppo SMP, Costumi di Federica Calabrese, produzione esecutiva di Giacomo Monda.

La storia è incentrata su una truffa.
Biagio Izzo, infatti, vestirà i panni di un truffatore napoletano. Simpatico e fantasioso e che organizzerà una truffa, però, una “truffa buona” con una buona motivazione e giusta causa. Una truffa a “fin di bene”.

La trama vede protagonista la vita di Gianmario e della moglie Stefania, una coppia tranquilla, con una vita tranquilla, che però, viene sconvolta dall’arrivo del fratello di lei, Francesco, noto truffatore, opposto a Gianmario e che la coppia è costretta a prendere in casa per fargli ottenere gli arresti domiciliari. Gianmario, integerrimo uomo d’affari, è preoccupato che la presenza del cognato, noto truffatore, possa nuocere ai rapporti che lui intrattiene con alti prelati del Vaticano, per i quali lavora. Gianmario ha basato tutta la sua vita sul principio dell’onestà. Seguendo le orme del nonno prima e del papà poi. Ma, un imprevisto rovescio finanziario causato da un suo rivale in affari che invece è totalmente il suo opposto, ovvero, fa della disonestà il suo stile di vita, porta Gianmario ad aver bisogno dell’arte della truffa del cognato, accettando in qualche misura le sue ‘regole’, da sempre criticate, ma ora indispensabili per salvare la sua reputazione di grande uomo d’affari e soprattutto la sua famiglia, la sua azienda, i suoi operai. La commedia promette tanti spunti e risate.
Sarà al teatro Augusteo di Napoli fino al 24 Maggio.

Luigi Nappa

Post correlati

Al Teatro Lendi un marzo…da cantare! Due concerti: Valentina Stella il 20 marzo, Fabio Concato il 23 marzo

Sant’Arpino (CE), 03 marzo 2023 – La musica assume un ruolo di primo piano nelle scelte
Continua a leggere

Leave a Comment:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *