147 0

Un autentico successo per lo spettacolo “Cosi Parlo’ Bellavista” al Teatro Augusteo.

La Recensione.

Lo spettacolo è ispirato alla pellicola cinematografica e ripropone le scene più esilaranti del film come “il cavalluccio rosso”, ”la lavastoviglie”, “la 500 tappezzata di giornali” e, naturalmente, il mitico contrasto tra il professor Bellavista e il direttore dell’Alfasud, Cazzaniga.

La scenografia riproduce molto bene la facciata del grande palazzocome nel film con scale praticabili dall’interno e vari elementi come il negozio di arredi sacri,  il cenacolo, l’areo ed addirittura l’ascensore.

L’adattamento teatrale del celebre film non ha assolutamente deluso le aspettative.

La regia è di Geppy Glejeses che interpreta il professor Bellavista con grande naturalezza. Il personaggio di Gennaro Bellavista, professore di filosofia, non era un personaggio facile da interpretare, dato che nella pellicola cinematografica è interpretata dall’immenso Luciano De Crescenzo. Marisa Laurito, moglie di Bellavista a cui riesce a dare la sua impronta di attrice e di donna di spettacolo come solo lei sa essere. Bravissimo Benedetto Casillo che a distanza di tantissimi anni torna ad indossare i panni del sostituto portiere di riserva.

La storia dello spettacolo,  come tante delle battute che lo hanno reso molto famoso e’ conosciutissima.

Sinossi dello spettacolo: Professore in pensione e filosofo per passione, Bellavista non si rassegna all’inattività e continua a insegnare. Nel palazzo in cui vive con la moglie Maria, una straordinaria Marisa Laurito, e la figlia Patrizia,  Bellavista tiene lezioni di filosofia ad una ristretta cerchia di discepoli: il vice sostituto portiere Salvatore (Benedetto Casillo), il netturbino Saverio (Vittorio Ciorcalo) e Luigino, il poeta (Gino De Luca). Con un busto di Socrate sempre accanto e una carta geografica a portata di mano, il professor Bellavista espone agli amici, riuniti attorno a un tavolo, la sua teoria che il mondo si divida in “uomini d’amore” e “uomini di libertà”. Napoli è per definizione la città dell’amore.

Sempre emozionante la scena nell’ascensore guasto tra Cazzaniga e Bellavista, qui il professore si renderà conto che ha basato la sua antipatia per il vicino su degli stereotipi, perchè in fondo “siamo tutti i meridionali di qualcuno”!

Un grazie speciale quindi a tutto il cast degli attori per le emozioni che hanno trasmesso, quando si parla poi di Napoli tutto diventa poesia, magia!

Per chi volesse vedere lo spettacolo è ancora in scena al Teatro Augusteo fino al 28 novembre.

Giuseppe Nappa

Post correlati

Ritorna la scena delle Donne al Trianon Viviani

L’ultimo percorso teatrale al femminile in Forcella di
Continua a leggere

Leave a Comment:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *