928 2

Addios Maradó di Mirko Stella diventa un inno per chi ha amato ed ama il “Dio del Calcio”

Qualche settimana fa ho ricevuto una chiamata un mio amico e non solo amico mi parla della morte di Maradona.

Poi mi dice ascolta: 

“Addios Maradó” nun ir u giocatore ma piezz è sta città. 

Queste le prime parole che mi rimangono impresse della sua canzone su Maradona.

Mirko Stella canta da anni ormai.

Tante trasmissioni su reti regionali, album alle spalle, collaborazioni con tanti artisti.
Da anni non solo cantante, ma anche autore.

Infatti questa bella canzone è una poesia del cuore, così la definirei ed è stata scritta dallo stesso Mirko mentre al piano abbiamo Silvio Visconti, la grafica è di Figli del Vesuvio e le foto e il video sono di Salvatore Architravo.

Il video in pochi minuti della canzone “Addios Maradó” diventa virale, fa un boom di visualizzazioni e non solo anche di condivisioni.

Un numero veramente sbalorditivo che lascia il cantante senza parole.

Lui ama Napoli profondamente come tutti i napoletani. Sembra quasi di aver perso uno di famiglia.

Il cantate dopo la notizia ha dedicato la  canzone e il video al “Dio del Calcio”, dopodiché si è recato quasi come in pellegrinaggio  con felpa e mascherina creata da Figli del Vesuvio allo stadio e non solo rispettando le regole COVID-19 imposte dallo stato andando in giorni ed ore permesse. 

Questa canzone resterà immortale perché decanta l’amore che un ragazzo può aver per un calciatore che ha segnato un riscatto per questa terra, tanto amata ma allo stesso tempo tanto martoriata. Ed è diventata ormai quasi un inno da dedicare ad un Re che ha regalato tanto a questa città. 

Complimenti Mirko non ci deludi mai e noi ti teniamo d’Occhio.

 

Ecco il link di pubblicazione della canzone che potete ascoltare:

 


 

 

 

 

 

 

 

Tratto dalla pagina Facebook del cantante

 


Foto di Salvatore Architravo 

 

Foto di Salvatore Architravo 

 

Giuseppe Nappa

Post correlati

Leave a Comment:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *