273 0

Grande successo per il nuovo spettacolo di e con Carlo Buccirosso “La rottamazione di un italiano perbene”.

La Recensione.

Alberto Pisapia interpretato da Carlo Buccirosso, gestisce un ristorante, il Picchio Rosso, ormai sull’orlo del fallimento. Sposato con Valeria Vitiello (Donatella De Felice) è anche padre di due figli: Viola (Elvira Zingone) e Matteo (Giordano Bassetti).

A causa dei debiti Alberto ha un esaurimento nervoso e decide di togliersi la vita… dopo un tentato suicidio fallito, Albero decide che l’unica via d’uscita è uccidere sua suocera, uno spietato funzionario dell’Agenzia delle entrate interpretata in scena da Tilde de Spirito.

Sempre presenti, a dare fastidio l’avvocato e cognato di Alberto, Ernesto (Gennaro Silvestro) con sua moglie Fiorella Zullo.

Questo è quanto succede all’apertura del sipario dello spettacolo La rottamazione di un italiano perbene, scritto e diretto da Carlo Bucirosso.

Lo spettacolo, che è tratto da “Il miracolo di Don Ciccillo” sempre di Carlo Buccirosso, mette in risalto il personaggio “indeciso” del protagonista che temporeggia, trovando soluzioni quasi assurde, come quella di fare causa ad Equitalia, piuttosto che decidere di rottamare i suoi debiti. Oppure l’altra soluzione, ancora più assurda di uccidere sua suocera, perché vista come la colpa dei suoi guai, una persona che avrebbe potuto aiutarlo ma che non lo ha fatto.

Sempre bravo Buccirosso che ha dato giusto merito a tutta la sua compagnia: da Donatella De Felice (la moglie) molto brava anche a cantare ad Elvira Zingone (la figlia) e Giordano (il figlio). Ancora davvero bravi Tilde de Spirito, Fiorella Zullo con Gennaro Silvestro, Peppe Miale nel ruolo del sacerdote amico di famiglia e Davide Marotta nei panni del postino maltrattato da Alberto solo per avergli notificato le cartelle esattoriali.

Ma alla fine cosa succederà? Cosa farà Alberto? Riuscirà ad uccidere sua suocera e a risolvere i suoi problemi?

Uno spettacolo molto divertente, a tratti commovente…soprattutto il finale…

Le scene sono di Gilda Cerullo Renato Lori, i costumi di Zaira de Vincentiis, le musiche di Paolo Petrella.

Produzione Ente Teatro Cronaca Vesuvioteatro. Produzione esecutiva A.G.Spettacoli.

Se siete curiosi di sapere come finirà la vicenda di Alberto Pisapia e la sua famiglia potete andare al Teatro Diana dove Carlo Buccirosso e la sua compagnia sarà in scena fino a domenica 8.

 

Giuseppe Nappa

 

Post correlati

Leave a Comment:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *