69 0

PREMIO LUNEZIA 2019: la rassegna premia l’ultimo album di Gigi D’Alessio

tra gli ospiti anche NOEMI, TIROMANCINO, CARA E SAMUEL HERON

 

 IN ROTAZIONE SU RAI ISORADIO I BRANI DEI 6 FINALISTI

DELLA SEZIONE “NUOVE PROPOSTE”

 

Grande attesa per la serata finale del Premio Lunezia 2019.

Il Festival d’Autore, nato nel 1996 con il battesimo artistico di Fernanda Pivano e Fabrizio De André, annuncia gli ospiti dell’evento conclusivo che si svolgerà il 7 novembre (ore 21.15) al Teatro Civico di La Spezia: GIGI D’ALESSIONOEMITIROMANCINOCARA e SAMUEL HERON.

 Oltre alla gara tra i 6 finalisti della sezione “Nuove Proposte”, che attualmente sono in rotazione su Rai IsoRadio –media partner che destinerà al vincitore una ulteriore e successiva programmazione radiofonica- si accendono i riflettori sul Premio musical-letterario per l’ultimo album di Gigi D’Alessio.

 

 Il disco “Noi due” del cantautore partenopeo, che vede collaborazioni con Fiorella Mannoia, Emis Killa, Luché, Giusy Ferreri e Guè Pequeno, ha trovato i consensi del direttivo grazie alla segnalazione del critico musicale Michele Monina, che così si esprime su D’Alessio e gli altri ospiti: “Ritengo Gigi D’Alessio un artista troppo a lungo sottovalutato da critica e sistema musicale, nonostante un successo di pubblico che avrebbe dovuto indurre tutti a guardare alle sue canzoni con meno preconcetti, e sono felice di essere sul palco nell’esatto momento in cui, su mia indicazione, per la prima volta viene riconosciuto, da un premio come il Lunezia, il suo talento musical-letterario per un album speciale. Ritengo inoltre che Noemi sia un raro esempio di cantante che è sopravvissuta al mondo dei talent, andando a costruire, passo dopo passo, una carriera solida anche per i contenuti delle sue canzoni. Credo ancora che Federico Zampaglione sia una delle penne più importanti della sua generazione, nonché della musica italiana tutta”. 

 Tra i protagonisti della serata del 7 novembre, anche il rapper spezzino Samuel Heron a cui la rassegna destinerà attenzioni per il brano realizzato con Cara.

 I magnifici 6 che si contenderanno il podio del Premio Lunezia sono: Giuseppe D’Amati (Taranto) con il brano “L’isola di plastica”Daniele De Gregori (Roma) con “Felici per finta”Kris (Roma) con “Vite Spezzate”Giuseppe Libè (Piacenza) con “Il segreto di Chiara”Marco Poletto in arte “Oli” (Belluno) con “Eclissi”Stefano Resta (Bari) con “L’amore è un fiore”.

 L’evento, ad ingresso gratuito grazie al Comune di La Spezia, sarà condotto da Savino Zaba (Rai), già noto a “casa Lunezia” per l’indubbia professionalità. La rassegna, recentemente patrocinata dal Ministero della Cultura, da alcuni anni continua a indicare, durante il Festival di Sanremo, gli artisti in gara più meritevoli dal punto di vista musical-letterario, segnalazioni accolte dal Festival stesso e documentate sul sito ufficiale del concorso.

 La direzione artistica della sezione “Nuove Proposte” è affidata a Loredana D’Anghera, che presiederà il comitato d’ascolto con Filippo Raspanti, Adele Di Palma, Arianna D’Aloja e altri referenti della discografia nazionale, oltre che con il general manager della Nazionale Italiana Cantanti Gianluca Pecchini, lo staff di Rai Isoradio e altri autori Rai.

 Stefano De Martino, patron del Lunezia, e Beppe Stanco, direttore musicale, sono impegnati in nuovi progetti di crescita mediatica per un evento speciale in vista del venticinquesimo anniversario del Premio, che cadrà nel 2020. Un quarto di secolo per un impegno che dovrà essere di ancor più valida spinta per le nuove proposte e per ripercorrere la storia del Festival.

 

Lo scopo umanitario e sociale del Festival rimane votato alla causa Anffas, istituto di grande intraprendenza per attività sportive e di spettacolo, finalizzate all’inclusione.

 

Comunicato Stampa

Post correlati

Shara al Nuovo Teatro San Carluccio: un vero talento del Sud!

Nuovo successo per la cantautrice Shara al Nuovo Teatro Sancarluccio
Continua a leggere

Leave a Comment:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *